post

Lapalisse…


Se disegno delle linee che si incrociano posso chiamarle “linee che si incrociano” oppure rettangolo, chiave inglese oppure bastone da passeggio. Ma una volta che le ho chiamate, che le ho definite non posso più tornare indietro.
Se scrivo delle parole su un pezzo di carta e le chiamo processo, non posso dire che si tratti di una chiave inglese.
Parimenti se le chiamo mediazione, non posso dire che siano un processo, perché diversamente le avrei chiamate processo.
Gli uomini hanno una così grande urgenza di definire tutto perché in questo modo sono vanamente convinti di salvare qualcosa dalla precarietà, ma non si rendono conto di imporsi dei limiti.
Certo le convenzioni servono in una vita associata perché diversamente non riusciremmo a comunicare, ma allora cerchiamo di essere precisi una volta che ci siamo indotti a dare una definizione: il dado è tratto.
Un’altra strada potrebbe essere quella del Giappone dove il termine chotei si usa in cinque diversi sensi, senza che ci sia la minima confusione: esso indica l’istituzione o l’intero sistema di mediazione, la procedura di mediazione, l’atto di mediazione stessa, la sostanza del contratto o compromesso sancito in forma scritta ed in ultimo l’incontro dei consensi.
Ma noi non viviamo in Giappone e non crediamo nell’etica del vago.
E dunque non applichiamo alla mediazione le caratteristiche del processo, perché perlomeno per coerenza logica dovremmo applicare al processo le caratteristiche della mediazione. E sarebbe una grande confusione. Teniamoli distinti.

Annunci

Comments

  1. MaMy 24944 says:

    Infatti, la mediazione dev’essere ben distinta dal processo; e il modo per farlo è non tanto eliminare l’obbligatorietà , quanto non lasciarne poi l’esito in mano ai giudici, che tendono a voler fare tutto loro e a renderla una parte del processo, in definitiva, quindi gestita da loro.. Perciò, mediazione non obbligatoria, però dopo almeno un altro periodo di obbligatorietà che sia sufficiente a farla apprezzare da tutti, e, poi, soprattutto, limitare al massimo l’intervento del giudice.

    Mi piace

  2. angelo Garavagno says:

    Pienamente d’Accordo. La Mediazione Civile non è stata istituita per facilitare i Giudici, nè per predigerire per loro un quasi inevitabile ricorso alla procedura processuale. Nel Mondo Europeo la Mediazione è realmente un metodo alternativo e preferito per dirimere conflitti tra i cittadini e dare a loro gli strumenti per farlo. Si ricorre alla Giustizia quando proprio non si riesce in qualche modo a mediare.Da noi è stata intesa soprattutto per fare Processi senza Giudici e questo è sbagliato.

    Mi piace

  3. marina donelli says:

    grazie infinite marina, anche se a volte non commento leggo tutto ciò che invii, ma penso che tu abbia una gran platea di persone che seguano i tuoi seminari ciao marina

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: